Viaggio in Liberia, l’Ebola nella testimonianza di Sergio Ramazzotti

credits: Sergio ramazzotti

L’Ebola è l’argomento del giorno. Se ne parla tanto, si discute di quanto uccida, di come ci si contagi, di quale sia l’origine di questa peste nera, di questa morte che non sai come, quando e soprattutto se sia pronta per venire a prendere te.

Ieri sera sono stata a Milano, al Parallelozero Cafè c’era un incontro in cui Sergio Ramazzotti – reporter, fotografo e scrittore –  aveva un paio d’ore di tempo per raccontare le sue tre settimane il Liberia, uno dei paesi più colpiti dell’Africa Equatoriale, e del suo ritorno a casa, la quarantena, le paranoie.

Continua a leggere Viaggio in Liberia, l’Ebola nella testimonianza di Sergio Ramazzotti

Cronache deliranti dal Nord Dakota – Theodore Roosevelt National Park

20140803_175253Sai quando una cosa va male e poi più va male più peggiora? E quando è così un epic fail fa diventare divertente?
Ecco, più o meno è andata così passando il confine tra South Dakota in direzione Nord.

North Dakota.

Continua a leggere Cronache deliranti dal Nord Dakota – Theodore Roosevelt National Park

Arricchirsi. Storie di vita che aiutano la nostra.

IMG_6536

Posso dirlo? Il South Dakota è uno stato STRAORDINARIO.

C’è tutto, e non c’è una mazza.

La densità della popolazione  è di circa 4 persone per km² (in italia siamo 201) però dai, sono in crescita.

Continua a leggere Arricchirsi. Storie di vita che aiutano la nostra.

Budapest. Pensieri sparsi su una città strana

IMG_5692 (Large)

Budapest è una città strana. La mia opinione sulla città è cambiata almeno 10 volte nell’arco di tre giorni ed una volta a casa, non ho ancora capito se mi è piaciuta o meno. È una bella città, su questo non ci piove.

Continua a leggere Budapest. Pensieri sparsi su una città strana

Benvenuti sul palco. “Questo è il mio primo post”…

557883_10200723228655718_2107528691_n

Non so bene perché, ma stamattina mi sono svegliata con una strana idea in testa. Chissà da dove sono partiti alcuni blogger che seguo. Cioè, come sarà stato il loro primo post? Già professionale? Un insieme sfigatissimo di frasi come il mio? E quindi ho cominciato a spulciare, e a “rendere umani” tutti i blogger.

Sì, perché in quelle prime parole c’è molto di noi: prima di tutto, c’è una tenerezza infinita.

Continua a leggere Benvenuti sul palco. “Questo è il mio primo post”…