Epifania birmana

1970792_10152693372923327_1735798468_n

Questo è uno di quei pezzi che si scrivono a tarda notte, quando il telefono non suona e la testa è vuota. Parla la pancia, quelle emozioni che escono quasi con stupore da parti del cuore che le hanno conservate per bene, senza concedersi, senza condividere.

Lavoricchiando, facendo qualcosa di ripetitivo, ogni tanto guardo qualche film se è in italiano, così posso occupare le mani in un modo e le orecchie e parte della vista in un altro.

Per caso l’ho trovato, e sul cellulare ho caricato “The Lady”, la storia di Aung San Suu Kyi.

Le prime immagini scorrono, la Birmania appare nella sua bellezza. I templi di Bagan, i laghi, i colli dei militari sudati dentro le divise color cachi.

In meno di tre minuti ho risentito il profumo di quella terra, la sabbia sporca che si attacca alla pelle, il caldo umido, il profumo del riso, quel suono strano del loro alfabeto, il loro saluto che ancora mi fa ridere (visto che suona più o meno come “Gesù va al mare”) .

 

E così, a tre mesi di distanza è arrivata, nello stomaco. Ho realizzato.

Sono stata in Birmania.

Ho calpestato quella terra, ho mangiato con le mani il loro cibo, mi sono arrampicata su quei templi che ho sognato e desiderato con tutta me stessa come quelli di Angkor, mi sono buttata nei mercati di Rangoon e vissuto le preghiere degli altri nel tramonto dello Shwedagon, ho visto alberghi stupendi e donne che sembravano uscite da un’altra epoca mentre copiavano fogli con le macchine da scrivere, ho bevuto cocco fresco, guidato bici elettriche nelle vie più buie, giocato con i bambini, faticato sulle strade di Mandalay, fatto foto con i monaci che hanno rivoluzionato la mia visione del loro mondo (gli smartphone nelle pieghe dei loro abiti arancioni sono sempre inaspettati), 1554430_10152804429988327_2995992987967165622_nvisto tramonti mozzafiato, assaggiato cibo terribile e dolci stucchevoli, visto villaggi, e poi… E poi…

 

Scrivo e mi scendono le lacrime.

Ho pianto davvero spesso durante quel viaggio. Di gioia ovviamente.

L’emozione di un viaggio regalato, un viaggio che sogni da una vita, essere lì quando la tua testa e il tuo cuore non hanno avuto il tempo di prepararsi, farlo tenendo l’uomo che ha creato tutto questo solo per vederti felice…

Sono stata in Birmania e lo sento solo adesso.

Perchè a volte quando sei in viaggio e corri, cerchi di fare tutto e di godere di più esperienze possibili, spesso ti perdi la percezione di quello che stai facendo, ti sfugge l’assorbimento di un luogo. Lo vedi, lo vivi appieno, ne godi, familiarizzi. Ma poi è lì, nei ricordi, nella macchina fotografica, nei racconti scritti e tramandati oralmente. Ma resta sospeso, non diventa pelle o polmoni.

Sono stata in Birmania e ancora non ci credo.20140120_181924

Mi capita spesso questa cosa, di metabolizzare e realizzare molto dopo di aver fatto un viaggio, di esserci stata davvero, diaver vissuto in prima persona certe esperienze.

Guardo le foto e mi sembra di sfogliare l’album di qualcun’altro, mi piace, sento che c’è qualcosa che sfrigola nell’anima ma finchè non è dentro, finchè non arriva in fondo… Beh, non puoi farlo tuo.

 

Sono stata in silenzio a guardare tramontare il sole su Bagan, seduta in cima ad un tempio circondata da centinaia di persone. Il brusio era diventato un rumore di sottofondo di uno spettacolo di natura che si fonde con anima e uomo che è paragonabile solo all’alba in solitaria al Bayon.20140117_172129_Richtone(HDR)

 

Sono cose che ti restano quelle. Per sempre. Più di qualsiasi borsa alla moda, o vestito che credi possa starti alla perfezione.

I sorrisi stanno alla perfezione addosso alle persone, quelli che nascono spontanei nelle labbra di chi ricorda cose come la mia Birmania.

 

E’ bellissima. E’ fuori dal tempo ma già sfregiata da un turismo ignorante, da bus che arrivano consumano e vanno, da persone che non si sono poste il dubbio se andare o meno.

 

C’è polvere, ovunque. Ma la gente è accogliente, alcuni fin troppo.

Mi brucia l’anima a ripensarci perchè sento scorrere quei giorni nelle vene, come se si fossero bloccati da qualche parte fino a stasera e avessero ricominciato a scaldarmi l’anima, a far parte di me.

 

Ho un ricordo, il più bello del viaggio che sono felice sia stato ripreso da Gianni.20140117_102250_Richtone(HDR)

Io seduta nella casa della ragazza che ci faceva vedere il suo villaggio a Bagan, lei mi trucca con la tradizionale polvere di Thanakha , mi ripete più volte “don’t smile!”, le scappa da ridere perchè io ci provo ma non ci riesco, ho il sorriso stampato e non riesco a levarmelo quasi neanche per il tempo del trucco.

Neanche ora.

Non adesso, non ora che ho la Mia Birmania tra le mani.

Annunci

16 thoughts on “Epifania birmana

    1. Se il tuo scrupolo era il mio ( e quindi di non andarci per richiesta di Aung San Suu Kyi di non alimentare un governo e le sue casse col turismo) Ti dico di andare, perchè il turismo là, è arrivato eccome. Anche troppo. Se esci dalle rotte turistiche ancora trovi gente che vive fuori dal tempo.. Ma allo stesso tempo i taxisti di Mandalay ti chiedono cifre folli per gli spostamenti. Quindi, si stanno sgamando, eccome. E’ di una bellezza estrema, ci tornerei subito. Andiamo?

  1. Sei un tesoro. Ogni parola è un’emozione. Adoro il tuo modo di raccontare soprattutto quando ci metti te stessa al 100%
    Lo vedo il tuo sorriso. Come se non ci fosse uno schermo.

    1. Tutta l’Asia è un mondo affascinante… La Birmania sta entrando solo ora nei circuiti turistici quindi ha ancora un “accenno” di purezza..se puoi parti per quelle terre, soddisfazioni assicurate! grazie per il commento!

  2. Bellissimo post, mi ha ricordato tante cose 🙂 Io ci sono stata 3 anni fa quando solo cominciavano a vedersi i bus che “arrivano-consumano-e vanno” però già si intuiva che le cose sarebbero cambiate… e non in meglio. Cmq il viaggio in Birmania è forse quello che ricordo don più affetto, grazie per avermelo fatto rivivere!
    P.S. Anche io ho un video con una ragazza che mi trucca col tanhaka 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...